“La felicità e il benessere sono obiettivi universali e devono essere riconosciuti come tali dalla politica pubblica come anche la necessità di un approccio più aperto, equo e bilanciato a una crescita economica che promuova uno sviluppo sostenibile, la cancellazione della povertà e la felicità di tutte le persone”.

[Motivazione dell’istituzione da parte dell’Assemblea Generale Onu del 20 marzo come Giornata Internazionale della Felicità.]